Prodotti

Il riscaldamento globale è un problema che interessa tutto il pianeta che non può più essere trascurato. È quindi fondamentale ridurre le emissioni di gas che causano l’effetto serra, fra cui i fluorocarburi. L’impegno di Mitsubishi Electric per la creazione di una società sostenibile si traduce, nell’ambito della climatizzazione, nella realizzazione di soluzioni che adottino gas refrigeranti con un basso Global Warming Potential, fra cui la serie Hydronic VRF (HVRF Y). La nuova soluzione impiantistica per la climatizzazione è un sistema idronico packaged in pompa di calore di derivazione VRF (sistema ibrido HVRF Y), con regolazione nativa del campo e che impiega il gas refrigerante a basso impatto ambientale R32.

Nata dall’esperienza maturata con VRF, Hydronic VRF è una soluzione idronica a tutti gli effetti, poiché presuppone una sezione di produzione dell’acqua composta da un’unità esterna di tecnologia VRF e da un’unità idronica che si occupa anche della distribuzione dell’acqua. Il sistema viene completato da terminali interni fan coil, che possono essere di varie fogge: canalizzati, a pavimento, a parete, cassette. A differenza dei tradizionali sistemi idronici, in cui vi sono componenti di terze parti (chiller, pompe, valvole, terminali e sistema di controllo BMS), in HVRF Y tutti gli elementi sopracitati sono a marchio Mitsubishi Electric. 

I sistemi idronici packaged Hydronic VRF sono a basso impatto ambientale, sia per l’impiego del gas refrigerante R32, sia per la divisione in sezioni – un’unità esterna e un’unità idronica centralizzata – che fa sì che il contenuto di gas refrigerante e il suo impatto sulla distribuzione siano minimi. L’utilizzo del gas refrigerante è infatti confinato all’unità esterna – unità idronica centrale, tutto il resto della distribuzione dell’acqua verso i terminali interni viene fatto veicolando acqua. 

La soluzione si connota, inoltre, per la presenza di un sistema di controllo e regolazione del campo nativo, ottimizzato in qualsiasi condizione di funzionamento: non occorre infatti prevedere alcun sistema BMS di terze parti, né tantomeno ottimizzarlo, manutenerlo e bilanciarlo nel tempo, poiché –   come succede con i sistemi VRF – tutto è integrato. Infine, Hydronic VRF consente la semplificazione del processo di dimensionamento e di progettazione del sistema: la derivazione da VRF fa sì che il professionista non debba occuparsi di dimensionare e progettare tutti quegli elementi di campo che è abituato a prevedere in un sistema idronico tradizionale, come pompe, valvole, dispositivi di sicurezza e accumuli di acqua nonché, come detto, il sistema di controllo.

Il sistema idronico packaged HVRF Y, che in raffrescamento raggiunge una capacità variabile dagli 8 ai 20HP, si contraddistingue per la presenza di quattro elementi: l’unità esterna e l’unità idronica centrale che si occupano della produzione e distribuzione dell’acqua, il terminale idronico interno che serve a veicolare la potenza termica e frigorifera all’interno degli spazi e il sistema di controllo M-Net che permette di interfacciarlo a tutti i prodotti di Mitsubishi Electric contribuendo a dare al professionista una gran flessibilità impiantistica, infatti uno stesso edificio può mutuare entrambe le tecnologie VRF e idronico packaged HVRF Y.